34 commenti su “Il fisico che ha “spezzato” la luce

  1. Per me sono tutti ET.
    Brava Ross, un giusto riconoscimento a Plank, con la mente mi hai riportato ai tempi dell’università.
    Bella anche la foto, e pensare che tutti quei geni messi assiene non guadagnavano in un ano quello che guadagna “Ronaldo”.
    Strana la vita.

    • Pero’ ‘ Bohr era calciatore.. davvero, e giocava in nazionale perfino, anche se non so quanto guadagnasse. Non certo come i calciatori di oggi.

  2. azzzzzzzz ha già scritto Silvano… ora ovviamente non lascio qui il mio commento da casalinga

      • volevo lasciare una mia personale riflessione… ma poi ho visto che ha gia scritto il Cardinale della scienza (BRUCE) perciò tengo questo per me… 😀

        • Invece devi scriverla la tua riflessione, altrimenti cosa lo faccio a fare il post?
          ciao e buon appetito

          • ho scritto una cosa una riflessione molto personale

    • Guarda Rebecca che anche da casalinga puoi benissimo discutere con noi di qeuste cose: chi ti dice che la Margherita Hack, che ne sapeva piu’ di tutti noi messi insieme, non si dilettasse di cucina? Ed accarezzava anche i gatti, cosi’ come fai tu con Tatanka ed io con Nives.. 🙂 Ciao.

  3. mi sono accorto di un errore ” in un ano” 😆 😆 😆
    Sembra proprio una presa per …. nei loro confronti.

  4. Anzi ora dico una cosa che mi passa per la testa… mi dispiace che sono nata nel 64 .. sarebbe stata per me un onore vivere ai tempi di questi singnori, e magari avevo avuto la possibilità di parlarne con loro, per sentire da loro cosa pensavano veramanente sul fatto della possibilità di un Creatore.. perchè loro sicuramente avevevano una idea su questo fatto… peccato che sono nata cosi tardi..

    • Se veramente sei interessata a capire non c’è bisogno di andare indietro nel tempo,

      Ti offro una prima possibilità: partecipare al LVIII Congresso della Società Astronomica Italiana, dal titolo: “Strutture cosmiche: dal Sistema Solare ai confini dell’Universo”. Il congresso è tenuto da autore scienziati italiani.
      si terrà a Milano dal 13 al 16 maggio 2014, nella prestigiosa sala Radetzky di Palazzo Cusani, via Brera 15. Hai tutto il tempo per organizzarti.

      La Società Astronomica Italiana ha lo scopo di promuovere e diffondere gli studi e la conoscenza dell’astronomia quale scienza dell’Universo. Il suo Congresso Nazionale annuale è dunque luogo principe di incontro e confronto aperto a tutti.

      L’organizzazione del congresso è sostenuta in modo sostanziale anche dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), fortemente legato alla SAIt da finalità e attività comuni.
      Spero di averti fatto cosa gradita.

      Splendita giornata e con amicizia.

      • grazie per tutto caro Silvano, non vorrei ora iniziare a studiare e diventare un astrofisico 😆 .. per me bastano le cose come sono fin ora… sono soltanto una semplice casalinga … ma forse una brava cuoca vegana… 😉

        • Ma guarda che non ti chiedono mica se sei una casalinga, anzi sarebbero ben contenti di allargare l’orizzonte mentale e di aprire la tua coscienza chiusa in se stessa. E poi non è mica necesario studiare basta ascoltare.
          Ho capito, non giriamoci intorno …. meglio le ricette vegane 😆
          Ciao cara, oggi vado a comprare le fragole, ma me le mangio con gelato, panna ed un goccio di Cointreau. 😉

          • pocco Cointreau altrimenti scompare la tua coscienza 😆 mangia una fragola anche per me… dai scherzo sul fatto della casalinga… non sono mica scema 😆

          • Lo so cara, lo faccio giusto per dare un po’ di vivacità al post (ci basta marghian a renderlo serio). 😆

            Il Cointreau è il mio preferito, provalo affogato nel “tartufo” bianco. Un delizia “celestiale” 😆 che rallegra la coscenza, l’anima, il palato, lo stomaco. 😆
            Ciao cara

  5. Io invece credo che qualcuno di loro fosse stato indottrinato da “qualcuno” di superiore, chissà quante cose o meglo segreti sapevano.
    Ora vado a pranzo(un bel risottino giallo) poi un pomeriggio un pò movimentato…
    ciao ciao

  6. Pare davvero strano l’insieme di tutte queste menti eccelse…..un caso? Chi lo sà?
    Un bel post davvero, buon pranzo Ross! 🙂

    • Grazie Silvia, in effetti “dicono” che all’epoca c’erano già stati contatti alieni, mah chissà se mai sapremo la verità. Buon pranzo anche a te ciao

    • Se Einstein aveva ragione su tutto- pur se non credo..ma forse in fisica si’..-, non e’ un caso (perche’ diceva che Dio non gioca ai dadi e per questo nulla avviene per caso–) ciao Silvia.

  7. Niente è per caso! Quando l’umanità è pronta a fare un salto evolutivo la Gerarchia delle Entità preposta all’istruzione umana si manifesta attraverso le menti adatte a comunicare.
    L’approccio alla fisica quantistica ha aperto una porta sulla comprensione delle leggi del Cosmo.
    A me ha dato molte risposte.
    Love
    L

  8. Ciao. Planck e’ stato grande, immamginando una “costante” intesa come un valore piccolissimo di grandezza, “le misure di Planck”. Questa “costante” fa si’ che tutte le cose siano “frammentate” e non “continue”. La materia? E’ quantizzata, in atomi e loro componenti. Lo spazio? E’ quantizzato, in piccolissime porzioni. Ed il tempo? Da quello che ho sentito (zichichi) ma e’ intuitivo, e’ quantizzato pure il tempo. Non scorre il modo continuo, come puo’ apparire a noi esseri macroscopici, ma “a scatti”, come i fotogrammi di un film.. Tutto e’ quantizzato,e non puo’ essere diversamente. Gia’ lo capirono degli illustri antenatid di Planck, “gli atomisti”, nella Grecia dei filosofi; pensatori come Democrito, Leucippo e Parmenide. “Se la mateira e’ diversamente densa, dal ferro all’acqua, cio’ eo possibile solo se la materia e’ fatta di tante parti, od atomi, distanti fra loro da addensarsi o rarefarsi, si’ da avere strutture piu’ compatte o meno compatte…” (a parole mie il ^loro pensiero).

    Dagli atomi di Democrito alle misure di Planck, la struttura dell’universo in piccole entita’ dette “quanti”. E questo e’..quanto 🙂

    Ciao.

  9. “Grazie Silvia, in effetti “dicono” che all’epoca c’erano già stati contatti alieni…” eh, ridete , ridete… intanto il croato Nikola Tesla (non e’ in quella foto, ma non era da meno, la corrente alternata nelle nostre case la dobbiamo a lui…) ne era convinto: “gli extraterrestri mi hanno suggerito..” cosi’ scriveva nei suoi diari, e lo diceva a pesone di fiducia. Era convinto, davvero, che la sua mente fosse usata dagli alieni come “ricettore” di informazioni, di modo che lui potesse “far progredire l’umanita’”, come ebbe a dire lo stesso Tesla (a cui, si dice, fu bloccato un finanziamento perche’ voleva distribuire la corrente gratis, con una “sua tecnica” di produzione di energia “libera”, da antenna ad antenna ma..”se non ci possiamo mettere un contatore, noi .non ti finanziamo piu'”).. Ciao.

    Marghian

  10. Cari amici,sono molto contenta della “chiacchierata” che avete fatto nel mio post, che ho letto attentamente. Volevo ringraziarvi e dirvi che la mia idea non cambierà mai, “loro” sono qui,probabilmente vivono sotto il mare e prima o poi salteranno fuori e mi sa che, da quel momento,inizieranno i nostri guai. Per quanto riguarda le donne e la scienza, casalinghe o dottoresse, vi invito a leggere il post, “le signore della scienza” che ora vado a scrivere o meglio a copiare perchè l’ho trovato sul web.
    Un abbraccio a tutti voi

  11. Grazie, ma ovviamente i complimenti sono per l’autore dell’articolo. Il mio, purtroppo, non è un blog molto letto ma spero sia sufficiente a pubblicizzare il link.
    Ross 😀

  12. Buon anno anche a te, sicuramente Einstein è un “argomento” interessante, e pubblicherò la prefazione del tuo articolo. Non so se hai letto qualche articolo del mio post, se sì avrai capito che sono appassionata di scienza,mistero e ufo, come il mio amico Marghian, che avrai letto nelle risposte di questo post e che ha moolta ma mooolta più competenza di me su queste tematiche. A me piace ribloggare gli articoli che mi interessano, come il tuo anche se ho pochi amici(ma buonissimi 😀 ) che mi leggono.
    Grazie e ciao

I commenti sono chiusi.