14 commenti su “Da Leonardo Da Vinci a Nicola Tesla: enigmi alieni?

  1. Ma ciao Ross, che bello leggerti, come stai, tutto ok, il post e’ molto interessante, un abbraccio cara, buona giornata per domani, Laura.

  2. Ciao Ross. Sapevo del “Leonardo profeta” da post scritti tempo fa su altri blogs. Un profeta che avrebbe previsto la fine del mondo fra quattromila anni. Non sapevo, pero’, che Leonardo avesse scritto di incontri con “angeli”. La cosa non mi stupisce, dato che Leonardo pare che facesse anche parte di una misteriosa “setta giovannea” che considerava Giovanni il Battista superiore a Cristo, o suo rivale. Non so fino a che punto Leonardo credesse nella esistenza degli extraterrestri. Forse i fautori della teoria dei “contatti con gli extraterrestri” da parte di Leonardo, pensano che questi abbia chiamato “angeli” quelli che in realta’ erano degli alieni. Oppure- ricordi?- gli “extraterrestri” potevano essere delle entità spirituali- le “ispirazioni” potrebbero anche venire dal mondo dello spirito, ovvero da visioni oniriche. Certo e’ che la mente di Leonardo era davvero geniale e versatile, e ricca di grande fantasia ed intuizione.

    “Leonardo profeta”, infatti Leonardo scrisse “alla rovescia” questa didascalia, “dedicata” al pallone gonfiabile che aveva appena disegnato: “con questo oggetto, due squadre si contenderanno la tenzone, e dagli spalti due opposte fazioni di gente…che si sganneranno, per le balle da giocare”. Aveva indovinato, “il calcio” (“due squadre si contenderanno la tenzone) ed i tifosi (“e si sganneranno, per le balle da giocare”). Forte, vero?

    “Io continuo a ritenere che lo spazio non possa essere curvo, per il semplice fatto che esso non può avere proprietà. Sarebbe come affermare allo stesso modo che Dio ha delle proprietà. Egli non ne ha, ma solo degli attributi di nostra invenzione. Di proprietà si può parlare solo per la materia che riempie lo spazio” (Nikola Tesla).

    Non lo sapevo. Non sapevo cioe’ che Tesla concepissse lo spazio come assoluto (concezione newtoniana) e non curvo (concezione einsteiniana). Ciao Ross 🙂

    Marghian

  3. Ciao Ross. Ho poco tempo per il web, ma non manco di passare qui..ciao Ross. Voglio un po’ tornare sulla questione di “Leonardo e gli extraterrestri”. Non credo che Leonardo, nelle sue invenzioni, abbia riprodotto degli ufo. Il “carro armato”, “a forma di disco volante”, ha questa forma solo perche’ il “tondo”, o “cerchio”, e’ uno standard nella geometria, nelle costruzioni o nei disegni. Penso che Leonardo non avesse, nel progettare quel “carro armato”, pensato agli ufo.

    Qualche parolina ancora sulla concezionie dello spazio che aveva Tesla. “Di proprietà si può parlare solo per la materia che riempie lo spazio”. Ecco, posso pensare che Tesla, nel pensare allo spazio, avesse pensato al vuoto classico, l’asenza di ogni cosa- particelle e raziazioni varie-. Allora si’, lo spazio non puo’ essere “curvo”, o “piatto”, o avera altra struttura. Lo spazio-tempo di Einstein, evidentemente, non e’ uno “spazio vuoto” ma e’..qualcosa, una sorta di materia, in certo senso, nel senso di qualcosa di concreto-come sembra essere proprio il tessuto spaziotemporale con le sue “proprietà”.

    Lo spazio secondo Einstein sarebbe…fatto di qualcosa, ecco che e’ capace di incurvarsi, “distorcersi” e per questo obbligare la materia ordinaria a muoversi secondo schemi precisi (dettati dalla struttura locale dello spazio, o di cio’ che lo costituisce). Ciao, Ross 🙂

    Marghian

  4. Non entro nel merito dell’articolo, segnalo solo che il motore elettrioco a magneti è un’enorme imbecillità, perchè ogni elettrotecnico sa che quel motore si porrebbe immediatamente in equilibrio tra due magneti, in quanto uno tenderebbe a respingerlo avanti e l’altro indietro.
    Per farlo funzionare è necessario spezzare l’equilibrio e questo si potrebbe fare accendendo e spegnendo alternativamente i magneti, (ed è sostanzialmente il ocncetto del motore elettrico tradizionale), oppure applicando un movimento al rotore, ed allora avremmo un alternatore .
    Nessuna cospirazione, semplice fisica

  5. Magari il motore “a magneti” di tesla e’ un motore elettrico tradizionale Lo penso anche io, Ross. Ma quando si parla di Tesla, per chi ci crede il fatto “straordinario” non sarebbe “il motore” ma la corrente elettriga “gratis” che sarebbe generata dalla Terra stessa. Per il resto non so. Forse Tesla ha concepito il motore elettrico prima di Galileo Ferraris. Ciao.

    Marghian

I commenti sono chiusi.